Pterois volitans informazioni

Informazioni di base

Nome Scientifico: Pterois volitans (Gasterostetus volitans)
Nome comune: Pesce scorpione
Tipo: Pesce d'acqua salata
Famiglia: Scorpaenidae
Zona d'origine: Oceano Pacifico
Origine: Oceano Pacifico e Oceano Indiano orientale. Una popolazione non indigena in California.
Lunghezza massima: 38 cm
Lunghezza minima vasca: 120 cm
Volume minimo vasca: 300 lit
Temperatura: 22 - 28 C
pH: 8 - 8
kH: 5 - 10
Densità: 1020 - 1024
Corrente d'acqua: Corrente d'acqua media
Livello preferito: Intermedio

Descrizione

Pesce molto maestoso, predatore e crepuscolare. Nonostante sia piuttosto statico richiede una vasca ampia con molti nascondigli, rocce vive e buon filtraggio. Siccome le pinne sono munite di raggi acuminati e la dorsale è velenosa (come in tutti gli Scorpenidae) e può attaccare se si sente minacciato, si consiglia di frapporre durante le manutenzioni tra l'animale ed il proprietario una lastra di plexiglass. Il veleno non è mortale, tuttavia la ferita risultante è molto dolorosa, può talvolta andare in necrosi e possono essere necessari diversi giorni per guarire. Si consiglia pertanto estrema cautela nel maneggiarlo, non usare retini ma sacchetti di plastica trasparenti per catturarlo. In caso di puntura immergere la zona colpita in acqua molto calda e chiamare il medico, specialmente in caso insorgessero difficoltà di natura respiratoria o la ferita divenisse necrotica. Carnivoro, si alimenta bene con cibo vivo e congelato quali piccoli pesci, gamberetti interi, cozze e Mysis. Data la sua indole, relativamente pacifica ma predatoria, non può essere allevato con pesci più piccoli o gamberetti. Talvolta può pungere accidentalmente i propri compagni di vasca mentre si muove se mantenuto in vasche relativamente piccole, spesso con serie conseguenze. E' anche un animale piuttosto solitario, e si esibisce spesso in parate verso altri pesci della stessa specie. Pertanto, l'allevamento con altri pesci è consigliato soltanto in vasche ben più grandi e si consiglia di mantenere un singolo esemplare. Molto delicato in fase di acclimatazione, spesso molti esemplari accettano solo cibo vivo inizialmente e possono essere soggetti a malattie se l'ambientamento non viene effettuato gradualmente (vivamente consigliabile il metodo del "goccia a goccia"); una volta acclimatatosi, è un pesce longevo e robusto. La riproduzione, che si sappia, non è mai avvenuta in acquario.

Informazioni a cura di: Gruppo Acquariofilo Fiorentino




FTL ID: 796 Ultimo aggiornamento: 2012-12-24 15:43:03

Note

Le dimensioni minime delle vasche riportate nelle schede si riferiscono, a seconda della specie considerata, ad un singolo individuo, una coppia o al gruppo più piccolo di individui allevabili assieme nei pesci di branco. A seconda dell'aggressività, territorialità o vivacità, l'allevamento con altri animali di specie diverse o della stessa specie può richiedere vasche più grandi.
Normalmente le foto rappresentano esemplari adulti. A seconda dell'età e del sesso, potrebbero esserci variazioni notevoli nella colorazione degli esemplari.

Segnala un errore su questa scheda